La Scuola Grande di San Rocco rappresenta una straordinaria eccezione nella storia dell’arte veneziana: è infatti uno dei pochi siti rimasti dove possiamo ammirare i teleri di uno dei più grandi pittori veneziani, Jacopo Tintoretto, nella sua collocazione originaria. Questi dipinti sono la testimonianza della vicenda della confraternita che si incontra e si fonde con quella umana e artistica del pittore, il più “veneziano” tra i grandi del Rinascimento.

Alla decorazione di questo edificio, che ospitava una delle istituzione principali nel campo dell’assistenza pubblica e della beneficenza,  il Tintoretto si dedicò per più di vent’anni.
Entrare in questo luogo è come viaggiare tra gli episodi dell’Antico e del Nuovo Testamento, tra i quali spicca la Crocifissione, l’opera più impegnativa della sua straordinaria carriera e che è forse il suo capolavoro.

Altre opere straordinarie sono presenti in questo luogo: il Cristo portacroce, con i misteri che riguardano il suo autore, le circostanze che lo fecero arrivare qui e i suoi poteri miracolosi; le bizzarre figure allegoriche scolpite nel legno dall’intagliador Francesco Pianta dai significati ancora oggi in parte nascosti; il Tesoro, secondo per importanza solo a quello della basilica di San Marco.

 

 

La Scuola Grande di San Rocco: il rifugio mistico, il luogo delle speranze dell’animo grande del Tintoretto

 

DATA
La visita guidata alla Scuola di San Rocco sarà riproposta un’altra volta nel 2019.
Iscriviti alla newsletter se vuoi essere informato su questa e sulle altre visite in programma.

RITROVO, DURATA, COSTI e PRENOTAZIONI
Saranno comunicati contestualmente alla pubblicazione della prossima data in programma.